Comunicati

ROGO DI PNEUMATICI PRESSO LO STABILIMENTO ADRIA

INCENDIO ADRIA

Immagine del 22/07/2014 ore 18:45

L’incendio, che per la seconda volta ha interessato lo stabilimento ADRIA, desta molta preoccupazione nei cittadini della Valle Peligna, in quanto è noto che i roghi degli PFU (pneumatici di fine uso), rientrano tra i processi di combustione maggiormente nocivi da un punto di vista sanitario e ambientale poiché causano la formazione di diossine (composti organici volatili e semivolatili, metalli e metalloidi, sostanze cancerogene quali i policromatici, benzene, piombo, anidride solforosa, ossidi di azoto e polveri sottili, PM10), inquinanti che si disperdono nell’atmosfera e ricadono a terra – in maniera libera o legata con fuliggine oleosa o polveri – rischiando di compromettere l’intera catena alimentare (inquinamento terreno, falde acquifere, coltivazioni agricole contaminate dalla nube tossica sprigionatasi).

Come comitati

  1. chiediamo se il materiale andato a fuoco (trucioli e pneumatici) era stoccato e custodito nel pieno rispetto delle vigenti norme di legge;
  2. chiediamo quali misure di sicurezza, dopo il primo incendio, le autorità preposte hanno adottato per evitare il ripetersi dell’evento al fine di tutelare la salute pubblica;
  3. chiediamo di conoscere quali programmi analitici di monitoraggio a corto e medio termine siano stati avviati da parte dell’ARTA, della ASL e di altri enti preposti e che siano resi pubblici i dati e le analisi relativi;
  4. chiediamo di conoscere se, da parte della Protezione Civile, esistono piani di emergenza per eventi di questa natura, comprensivi di un sistema efficace di informazione dei cittadini, dal momento che gran parte della popolazione ha appreso dell’incendio solo dopo molte ore dal suo svilupparsi;
  5. chiediamo al Sindaco di Sulmona Peppino Ranalli di promuovere, senz’altro indugio, con il concorso della Provincia e dei Comuni del nostro comprensorio lo studio ed il monitoraggio della qualità dell’aria in Valle Peligna, così come richiesto da tempo sia dai Comitati cittadini che dai medici dell’ISDE.

Sulmona, 23/07/2014

Comitati cittadini per l’ambiente

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...