Uncategorized

I petrolieri di Petroceltic (ELSA2) assieme ad ARTA, Parco della Majella e ANCI per il premio “Confindustria Green”. Più che premio alla “Green economy” è la fiera del “Green washing”

ConfindustriaGreen_due

I Comitati: si vogliono dare una tinta di verde ma sono nero petrolio, ritirare il patrocinio.Il tutto a Sulmona, a rischio per il mega-gasdotto SNAM supportato da Confindustria.

“Vogliono solo darsi una tinta di verde ma si vede solo il nero petrolio” questo il commento dei comitati all’iniziativa in cui, sorprendentemente, i loghi di tre Enti pubblici, il Parco nazionale della Majella, l’ARTA e l’ANCI nonché quello di Legambiente, campeggiano a fianco di quello dei petrolieri della Petroceltic, la società che vuole trivellare ELSA2 di fronte al parco della Costa teatina tra Francavilla al mare e Ortona. Nella kermesse “Confindustria Abruzzo green” si illustreranno le schede arrivate nel corso del 2014 per dare un premio sulla cosiddetta “Green Economy”. Confindustria, però, allo stesso tempo è strenua fautrice della trasformazione della regione Abruzzo in distretto minerario e del mega-gasdotto SNAM “Rete Adriatica”.

Capiamo che i petrolieri dalla confusione cercano di trarre beneficio per i loro affari con operazioni di “green washing”, ma riteniamo gli enti pubblici non possano avallare in alcun modo questi maldestri e smaccati tentativi. E’ impossibile dare una tinta verde a chi vuole spacciare come “sostenibile” quell’economia delle fonti fossili di energia che sta portando al disastro ambientale il pianeta con i cambiamenti climatici. Un vero e proprio ossimoro, da cui gli enti pubblici devono mantenere le distanze soprattutto quando uno di questi, l’ARTA, è chiamato anche a controllare proprio l’azienda in questione qualora venisse autorizzata a trivellare.

Ci stupiamo che gli enti pubblici, che rappresentano tutti i cittadini e da questi sono finanziati, abbiano aderito ad un’iniziativa con tale sponsor. Un conto è partecipare ad un’iniziativa di un’organizzazione di categoria come Confindustria, comunque inopportuna visto la deriva propagandistica che ha assunto, altro è aderire ad una attività sponsorizzata da una specifica società petrolifera come Petroceltic con il chiaro intento di conquistarsi credibilità in campo ambientale nel territorio che vuole trivellare. Tutto ciò stride ancor di più se l’iniziativa viene fatta domani a Sulmona all’Abbazia Celestiniana (!) di Sulmona, in quell’area peligna dove si vuole imporre un mega-gasdotto e una centrale di compressione SNAM in aree sismiche e proprio davanti all’ingresso del parco della Majella, nonostante l’incidente di Mutignano, su cui la Confindustria, sempre pronta a dire la sua per supportare mega-opere e centrali, non ha speso una parola! Domani all’iniziativa prenderà parte Franco Terlizzese, “storico” direttore generale Risorse minerarie ed energetiche del Ministro dello Sviluppo Economico.

La comunità abruzzese sta esprimendo quasi all’unanimità una netta contrarietà alla deriva petrolifera e le principali istituzioni democratiche della regione, dal consiglio regionale a decine di consigli comunali, si stanno adoperando per scongiurare la comparsa delle piattaforme di fronte al Parco nazionale della Costa teatina.

Auspichiamo il ritiro da parte degli Enti pubblici, nonché di Legambiente, del patrocinio all’iniziativa e che gli amministratori invitati a partecipare all’evento – tra cui il Governatore Luciano D’Alfonso ed il Presidente del Consiglio Regionale, Giuseppe Di Pangrazio – rinuncino ad intervenire in presenza di chi rappresenta gli interessi di Elsa2, l’ombrina prossima ventura che, se realizzata, contribuirà ad affossare l’economia abruzzese a vantaggio dei conti in banca di pochi petrolieri. Tra l’altro gli enti pubblici si dimostrerebbero solidali non solo con i cittadini abruzzesi, ma anche con altre comunità che stanno lottando assieme a decine di Comuni e alla Provincia di Novara, visto che Petroceltic, assieme ad ENI, grazie allo Sblocca/Sporca Italia, vuole trivellare in Piemonte a Carpignano Sesia letteralmente in mezzo alle produzioni DOP di riso e vino.

Alleghiamo la schermata del sito dell’iniziativa con i vari loghi, con, evidenziato da una freccia, quello di Petroceltic (link: http://www.confindustria.abruzzo.it/premioGREEN/giuria.html). La terza edizione del premio è stata lanciata nel 2014 e la premiazione avverrà domani 21 aprile 2015.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...