Comunicati

MERCOLEDI 25 MAGGIO IL CONFRONTO PUBBLICO TRA I SEI CANDIDATI A SINDACO SULLA QUESTIONE SNAM.

Mercoledì 25 maggio, alle ore 17,00 presso la sala della Comunità Montana Peligna in via Angeloni, ci sarà l’incontro tra i cittadini, comitati e i sei candidati a Sindaco per il Comune di Sulmona che hanno raccolto il nostro invito per affrontare la problematica relativa alla centrale e al metanodotto della Snam. Ai sei candidati verrà chiesto di sottoscrivere liberamente un documento con cui si impegnano ad adottare ogni possibile iniziativa per impedire la realizzazione dell’opera.

Da ormai oltre otto anni il territorio resiste e continua la sua battaglia contro una infrastruttura che nulla porta in termini di posti di lavoro, ma moltissimo toglierebbe a Sulmona ed al suo comprensorio che ha tutte le peculiarità per crearne di numerosi e stabili, in perfetta sintonia con la vocazione naturale del nostro territorio, evitando spopolamento, fuga dei giovani verso paesi esteri, spoliazioni di beni e servizi primari. Inoltre l’opera, qualora venisse realizzata, aprirebbe la strada ad altre industrie impattanti e nocive.

Il destino di Sulmona e del suo comprensorio è nelle mani di Renzi, De Vincenti e D’Alfonso che qualche giorno fa, a l’Aquila, si sono incontrati in occasione della firma del Masterplan.

E’ bene ricordare che il Governo ha la facoltà, ma non l’obbligo di autorizzare in quanto non può non tenere conto del dissenso espresso, per la centrale di compressione e per il metanodotto, da tutti gli enti istituzionali. Ciò significa che la partita è ancora aperta perché la decisione al riguardo è meramente politica e, se c’è la volontà di schierarsi veramente dalla parte dei cittadini e del territorio, se ne deduce che c’è ancora spazio per un intervento forte da parte della Regione, della Provincia e dei Comuni interessati dall’infrastruttura.

Dalla fine del mese di dicembre 2015 a tutt’oggi nessuna decisione è stata ancora adottata: c’è un territorio con i suoi abitanti che resiste perché ha compreso che nessun vantaggio, se non rischi e impoverimento economico, deriverebbe dall’opera che Snam e Governo vogliono imporci anche “indorando la pillola” attraverso la “trappola” della cosiddetta centrale ad alimentazione elettrica che in Italia non è mai stata realizzata. Si tratterebbe, anzi, di una doppia “trappola” perché, da un lato significherebbe accettare il metanodotto e dall’altro, una volta insediatasi nel nostro territorio, la Snam potrebbe in seguito modificare il sistema di alimentazione da elettrico a gas.

Non c’è che dire il menù è vario: è che i cittadini sono ben consci del piatto che il “cuoco Governo-Snam” ha realmente intenzione di servire loro a tavola!

Sulmona, 23 maggio 2016

Comitati cittadini per l’ambiente

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...